home  | mail                                                                                                                        Anno III, Settembre 2007

 

N. ….   ruolo generale

 

 IL GIUDICE ISTRUTTORE

  

a scioglimento della riserva assunta in data 14.3.2007   nel procedimento in epigrafe, pendente tra

 

omissis

 

osserva quanto segue:

 

l’adozione di un regime di affidamento alternato – con suddivisione paritaria delle convivenza e del tempo trascorso con l’uno e con l’altro genitore –   impone il venir meno di qualsivoglia contributo per il mantenimento dall’uno all’altro genitore, ben potendo e dovendo ciascuno di questi sopportare direttamente gli oneri quotidiani nel momento in cui la figlia ne è convivente.

Rimangono, peraltro, gli oneri non quotidiani – straordinari o meno - e legati, invece, a momenti non prevedibili con facilità. Spese per il rinnovo del vestiario, acquisto di libri scolastici, regali, vacanze etc.

Per tali oneri unica scelta possibile è l’attribuzione in misura paritaria ad entrambi i coniugi, previo – limitatamente a quegli oneri da considerarsi, per importo e imprevedibilità, come straordinari (es. apparecchio ortodontico; corsi di recupero etc.) – accordo fra le parti (salva naturalmente l’urgenza).

Per gli altri oneri di carattere non quotidiano (es. acquisto di vestiti) ma non considerabili come straordinari, ogni genitore potrà assumere l’iniziativa di affrontarli, chiedendone il rimborso pro-quota all’altro coniuge.

 

Ogni altra decisione verrà assunta con sentenza.

 

Il processo è rinviato al 17 ottobre 2007, per la precisazione delle conclusioni.

 

Si comunichi.

 

 LA SPEZIA, 14 marzo 2007

 

IL GIUDICE ISTRUTTORE

        Alberto CARDINO

 

     torna indietro